Archivio

Posts Tagged ‘Google’

Google Wave, altri inviti disponibili

10 dicembre 2009 2 commenti

Ho a disposizione altri inviti per provare Google Wave, se siete interessati fate un commento a questo articolo inserendo come email il vostro contatto gmail!

Ciao! 😉

Categorie:Informatica Tag: ,

DNS di Google. Adesso è troppo!

4 dicembre 2009 2 commenti

Sono un fan di Google da sempre. Ogni volta che Google propone un nuovo servizio non vedo l’ora di provarlo ed ogni volta sono sempre stupito dalla sua semplicità e potenza.

Ultimamente, però, i servizi di Google risultano essere sempre più invadenti.

  • Google Search, ovvero lo storico motore di ricerca di google, spia le tue ricerche monitorando le parole chiave che inseriamo nel form estraendo statistiche di marketing (dal valore commerciale inestimabile vista la scala su cui sono basate);
  • Google Toolbar, per chi la installa sul suo browser, spia tutta la tua navigazione (non soltanto le ricerche) mappando quindi tutti i siti e i link visitati;
  • Google Chrome, un browser che tecnicamente riesce a monitorare tutto quello che facciamo su internet;
  • Google Docs, ha a disposizione tutti i nostri documenti (anche privati con dati sensibili) messi on-line;
  • Google Wave, ancora sotto sperimentazione, ha il controllo delle nostre collaborazioni;
  • Google Bookmarks, tiene traccia dei nostri siti preferiti;
  • e tanto altro…

Come se questo controllo non bastasse, Google ha presentato da pochissimo il suo Sistema Operativo: Chrome OS. Attualmente in versione beta installabile per il momento solo sotto una distribuzione linux, è il primo sistema operativo basato totalmente su internet. Nulla viene salvato sul tuo pc locale (voci di corridoio parlano addirittura di un hardware dedicato per questo OS), ma tutto sta su internet, utilizzando in toto tutti i servizi che sopra vi ho elencato.

E’ di oggi l’ultima novità: il Domain Name Service pubblico di Google. Il DNS è un sistema utilizzato per la risoluzione di nomi di host in indirizzi IP e viceversa. Un semplice computer infatti può comunicare con un altro computer soltanto se conosce l’indirizzo IP di questo. Quando noi scriviamo sul nostro browser www.marcoduff.com, la prima operazione effettuata dal browser è proprio quella di chiamare un DNS passando il dominio marcoduff.com per ottenere il suo corrispondente indirizzo IP, una volta ottenuto può effettivamente partire la chiamata verso il server dove risiede questo Blog.

Questa conversione avviene sempre e non soltanto per i browser, ma per tutte quelle applicazioni che comunicano via internet, compresi i programmi che abbiamo installato sui nostri PC che, ad esempio, cercano aggiornamenti su internet!

Quindi, dal punto di vista di Google, un utente che utilizza i suoi servizi, compreso il suo DNS, fornisce a quest’ultimo dati del tipo: tutte le nostre ricerche, i nostri siti preferiti, i programmi che abbiamo installato, i nostri documenti privati, l’antivirus utilizzato, quando tempo passiamo su un sito, quanto spesso utilizziamo un servizio e tanto, veramente tanto altro!!!

Aziende reali, per una analisi di marketing cosi approfondita e dettagliata pagano fior di milioni di euro… invece Google ha tutto questo gratis ed ha la licenza di poterseli rivendere!

La vera potenza di Google consiste proprio nella conoscenza e nel controllo dell’informazione, che porta ad un potere smisurato (e noi che viviamo in Italia dovremmo saperle certe cose! 😉 )!

Non è un caso che l’unico stato dove Google non sfonda è proprio il Giappone, dove il Re dei motori di ricerca è ancora Yahoo!. I Giapponesi, infatti, proprio per cultura hanno al primo posto la riservatezza.

Volete una prova pratica della potenza del controllo d’informazione? Facendo una ricerca oggi (non posso garantire il risultato tra un paio di giorni) della parola “DNS” sul motore di Google, il quarto risultato è proprio il nuovissimo servizio di Google “Google Public DNS”. Effettuando la stessa ricerca con Bing e Yahoo! il servizio di Google non appare completamente!

Strano che un servizio “Google” uscito da appena 24 ore sia già ai primi posti su “Google”, no?

Categorie:Informatica Tag: ,

Google Wave, inviti disponibili

26 novembre 2009 17 commenti

E’ da un paio di giorni che provo l’ultima creazione di Big-G: Google Wave!

Google Wave è uno strumento di comunicazione on-line in tempo reale che utilizza testo, foto, video, mappe e altro ancora.

Wave, ovvero un’onda, è una conversazione con più partecipanti. Questi, una volta aggiunti, possono discutere e collaborare sul contenuto dell’onda stessa. I partecipanti possono interagire in qualsiasi momento e ovunque all’interno di un onda, possono modificarne il contenuto e aggiungere altri partecipanti.

E ‘anche possibile per riavvolgere le onde con la funzionalità di riproduzione, per vedere cosa è successo, e quando.

Insomma, pensate a Google Wave come un potentissimo forum!

Attualmente non è possibile iscriversi a Google Wave direttamente, ma bisogna essere invitati! Attualmente ho qualche invito disponibile, quindi contattatemi postando un commento a questo articolo o tramite il form del Blog se volete unirvi all’onda! (mi scuso in anticipo se non riuscirò ad invitare tutti, ma Google mette a disposizione soltanto pochissimi inviti alla volta!)

Buona onda a tutti!

Categorie:Informatica Tag: ,

Google public data

15 novembre 2009 Nessun commento

La ricerca su Google diventa sempre più potente! Dopo aver aggiunto la ricerca immediata dei video musicali con Google
Music, Google inserisce una nuova caratteristica: Grafici in tempo reale sui dati pubblici.

Provate a scrivere su google Internet users in Italy e come primo risultato avrete il grafico che rappresenta l’andamento degli utenti di internet in Italia.

Il motore di ricerca più famoso al mondo, forse per paura della concorrenza di Bing di Microsoft, ultimamente sta sfornando caratteristiche sempre più interessanti! Meglio cosi!

Categorie:Informatica Tag: ,

Google aumenta lo spazio (a pagamento)

13 novembre 2009 Nessun commento
Google Accounts

Google Accounts

Gli hard disk di Google iniziano a riempirsi e, si sa, nuovi server costano! Per affrontare questo problema e nello stesso tempo offrire un servizio sempre migliore, Big-G ha attivato un nuovo servizio a pagamento per ampliare lo spazio di storage offerto ai propri clienti.

Lo spazio a disposizione, attualmente di circa 8 Giga, è condiviso da due applicazioni di Google: GMail e Picasa. Se siete arrivati vicini al limite consentito, potete richiedere tramite questo link una espansione del vostro spazio pagando un piccolo canone annuale.

In particolare i prezzi applicati al momento sono:

  • 20 GB ($5.00 USD per year)
  • 80 GB ($20.00 USD per year)
  • 200 GB ($50.00 USD per year)
  • 400 GB ($100.00 USD per year)
  • 1 TB ($256.00 USD per year)

In fin dei conti il canone è veramente basso, ma il punto è: “Non sarebbe meglio sistemare il nostro account cancellando roba inutile?”

Categorie:Informatica Tag: ,